OutpostLive
OutpostLive
Biography

Sound, when alive, is a restless organism. And the sound that rises from Stefano Aimola’s and Daniele Mariani’s production is a pulsating life in continuous and relentless evolution. The simple attempt of defining it ends up bridling even the farthest idea of prismatic production. Their experience in clubs has taught the two of them the rhythm of night and dawn. But what’s inside Outpost – which prolifically unravels – is also the result of an immense study. These are seeds whose mysterious growth cannot be told, but just enjoyed. The journey is concrete and pulses in the nerves of who’s in it. It departs from internal dimensions in the shape of a (just apparently) distant Earth; it moves between the broken rhythmics of hypnotic loops which are bridled by distortion chains, delays and reverbs. And, finally, lands to resonate as a new, aesthetic awareness; as a new approach to the sound matter.

ITA
Il suono quando è vivo è un organismo inquieto, ed il suono che nasce dal fare di Stefano Aimola e Daniele Mariani è una vita pulsante ed in continua, inarrestabile evoluzione. Qualcosa il cui solo tentativo di definizione finisce per imbrigliarne anche solo l’idea di proiezione prismatica. L’esperienza nei club ha insegnato ai due a conoscere il ritmo della notte e dell’alba. Ma tutto quel che c’è dentro Outpost e che si dipana fertile, è pure frutto d’immenso studio. Sono semi la cui crescita misteriosa non si può dire, ma di cui si può solo fruire. Il viaggio è concreto, pulsa nei nervi di chi è dentro. Parte da dimensioni interne che si figurano come una terra (apparentemente) lontana e che, muovendosi tra le ritmiche spezzate dei loop ipnotici, imbrigliati in catene di distorsione, delay e riverberi, giunge alla sonorità di una consapevolezza estetica nuova. Ad un approccio nuovo alla materia sonica.